lunedì 17 Febbraio 2020
Smart in the City
 
Benvenuti al Nord
Nov08

Benvenuti al Nord

di Antonella Cicalò

8 Nov 2014

L’estremo nord della Norvegia ha una nuova struttura  di eccellenza per accogliere gli esploratori del ghiacciaio Okstind.  Commissionato dalla Norwegian Trekking Association  (Dnt) e progettato da Jarmund/Vigsnæs Architects, il remoto rifugio Rabothytta è stato costruito secondo precise specifiche per resistere al clima estremo della regione ed evocare le forme  naturali del paesaggio circostante;  fa parte di una rete di rifugi autonomi e può ospitare gruppi fino a trenta persone in self-catering. Situato a 66 gradi di latitudine nord, 1200 metri sul livello del mare e 60 km a sud del circolo polare artico, il rifugio beneficia delle bellezze naturali dell’ambiente circostante e nonostante la posizione esposta è protetto da ciò che di meglio la moderna tecnologia costruttiva è in grado di offrire.  Progettato per la massima efficienza, soddisfa il suo fabbisogno energetico attraverso un sistema di riscaldamento a legna elettrico dato da una combinazione di pannelli solari, batteria di riserva e scorte di elettricità, se necessario.  Quando il budget lo consentirà saranno installate turbine eoliche. Ideato come campo base per spedizioni in alta quota, la struttura ha richiesto soluzioni robuste per la protezione contro la violenza di venti, pioggia, neve e ghiaccio e per ottimizzare le prestazioni termiche e il comfort interno.  Sono state quindi messe in opera due diversi tipi di membrane traspiranti avanzate della DuPont™ Tyvek® , utilizzate nell’edificio per garantire una copertura resistente al vento, protetta contro l’umidità, ma che consenta al contempo la diffusione del vapore. L’architettura del rifugio è costituita da un’intelaiatura in legno e strati di catrame con fondazioni in calcestruzzo e una facciata di 32 mm in abete bianco locale in una finitura naturale.  L’abete riveste anche le pareti interne e il pavimento del rifugio, mentre DuPont™ Tyvek® Soft sigilla l’involucro interstiziale, proteggendo il rifugio sia durante che dopo il processo di edificazione.  Le grandi finestre panoramiche sono costituite da due strati di vetro con un ulteriore strato esterno di vetro temperato dello spessore 13 mm, fornito dal produttore locale Trenor AS. La struttura del tetto a falde monta un sistema di travi in legno Kerto con isolamento, avvolte in DuPont™ Tyvek® Supro Grid come barriera ermetica contro vento e umidità – un elemento decisivo per proteggere la costruzione e per migliorare il comfort interno una volta occupato.  Un’ulteriore protezione è fornita da Isola Isokraft, una membrana di catrame estremamente resistente ricoperta da una finitura di tavole in legno Kebony. Secondo Svein Arne Brygfeld della Norwegian Trekking Association, Robothytta è l’anello mancante di una catena di sentieri e rifugi in questa zona importante per le spedizioni scientifiche e didattiche.  Nel rispetto di una simile opportunità  è stato scelto uno dei più importanti...

Leggi Tutto